Musique sep Théâtre sep Expos sep Cinéma sep Lecture sep Bien Vivre
  Galerie Photos sep Nos Podcasts sep
 
recherche
recherche
Activer la recherche avancée
Accueil
 
puce puce
puce She Owl
Interview (versione italiana)  (Atout Livre BD, Paris)  jeudi 25 janvier 2018

Non è un déjà-vu : ci incontriamo con gli She Owl a Parigi in una bella libreria del 12esimo arrondissement, l'ultimo incontro con Froggy era stato tre anni fa.

In occasion dell'uscita del loro ultimo EP The Drifters, disponibile in streaming sul loro sito, ci ritroviamo con il duo torinese, coppia di polistrumentisti che partiti dall'Italia, sono passati da San Francisco, Parigi e Lipsia e non si sono mai più fermati.

In giro, non soltanto per concerti, Jolanda e Damien sono musicisti di vita, professionisti che hanno dedicato la loro vita alla musica, come una missione, uno stile di vita, una vocazione artistica e spirituale.

Piu che un'intervista, parlare con loro, è stata una piacevole discussione tra amici, italiani che hanno lasciato il loro paese per vivere altrove, nomadi che hanno forse trovato le loro radici proprio nel viaggio...

Il vostro viaggio è iniziato nel 2013. Nel 2015 Froggy era lì per scoprire la vostra musica e stasera siamo qui per l'uscita di The Drifters. Raccontateci del vostro progetto e di cosa avete fatto in questi anni.

Demian Endian : Tutto è iniziato nel 2013 a San Francisco. Siamo andati lì per vedere amici e parenti ma in realtà cercavamo un paese che ci adottasse visto che non ci siamo mai sentiti molto "italiani" come musicisti. E' stato così che abbiamo trovato un batterista, un chitarrista, un contrabbassista, e un tecnico del suono tuttofare con cui abbiamo poi deciso di registrare un album (ndlr : She Owl).

Jolanda Moletta : Cercavamo un posto dove mettere radici e San Francisco lo è stato, lì abbiamo trovato la nostra "famiglia musicale", George S. Rosenthal , il tecnico, è diventato oggi il nostro produttore. Ha avuto un ruolo decisivo in questo EP

Qual è il vostro processo di composizione ?

Demian Endian : Tutto parte dai viaggi e dalle nostre esperienze personali. I pezzi sono già tutti nella nostra testa. Quando li estraiamo cerchiamo di essere più delicati possibile, vogliamo semplicemente che il pezzo venga fuori, non ci importa quale sia lo strumento.

Jolanda Moletta : Io lavoro in maniera molto visiva, come se avessi un film nella mia testa, provo a tradurre in musica le immagini. Scrivo la colonna sonora di un film che può essere una storia, un viaggio in treno, in un deserto. In realtà uno dei miei sogni è proprio quello di lavorare, un giorno, con un regista, perché la nostra musica è molto "cinematografica". Mi piacerebbe lavorare per delle colonne sonore, o magari trasformare i nostri pezzi in colonne sonore.

Chi di voi due scrive i testi ?

Jolanda Moletta : Io scrivo i testi e la musica, preparo la struttura del pezzo e poi li faccio ascoltare a lui che è il mio primo ascoltatore.

Demian Endian : E a quel punto diventa una sorta di ping-pong ci lanciamo la palla fin quando non sentiamo che il pezzo è pronto per essere suonato dal vivo.

Jolanda Moletta : Per noi la reazione del pubblico è fondamentale. Quando registriamo in studio abbiamo già le idee chiare su cosa vogliamo proprio grazie al riscontro durante i live.

Mi parli di visioni e a questo proposito vi chiedo : quali sono le vostre maggiori inspirazioni

Demian Endian : Il viaggio ! Direi confrontarsi ai proprio limiti in qualità di cittadini di un mondo occidentale, provare a cambiare il sistema o sapere come uscirne. Per il momento non abbiamo ancora la risposta ma ci stiamo lavorando (ride). L'ispirazione viene anche da tanti libri ! Stasera che stiamo per suonare in una fumetteria, posso citare Miyazaki tra i nostri registi preferiti. Riguardo la musica invece dico : Nina Simone, Nick Cave.

Jolanda Moletta : Bat For Lashes, My Brightest Diamonds...

Demian Endian : In Germania abbiamo scoperto Bohren & der Club of Gore. Ci piacciono davvero molto !

Jolanda Moletta : E visto che la loro musica ricorda un po le colonne sonore di Angelo Badalamenti, io dico metto David Lynch fra le nostre maggiori ispirazioni e... Wim Wenders !

Demian Endian : Io adoro Spike Jonze... "Essere John Malkovich"... In realtà quando ci si ispira a qualcuno non bisogna mai copiare, non bisogna mai riprodurre ciò che l'altro fa, ma sempre essere sé stessi. Il nostro scopo è avere gente che viene ai nostri live e che ci dica a fine concerto "Mi siete piaciuti molto, voglio essere me stesso !"

Da italiani, cosa pensate della nuova scena indipendente italiana ?

Jolanda Moletta : Non vivendo più in Italia da un po, devo dire che non seguo molto la scena italiana. Ci piace molto un gruppo italiano che vive in Germania, The Somnambulist, fanno un rock/prog molto interessante.

Demian Endian : Vorrei fare una riflessione riguardo la scena italiana. Ho notato che spesso gli italiani non si lanciano mai in progetti innovativi, aspettano sempre che ci sia prima un ritorno positivo. E questo è dovuto al fatto che l'Italia è un paese che non ha mai investito nell'innovazione.

Jolanda Moletta : E' per questo che spesso i musicisti italiani che fanno cose interessanti vivono all'estero! Tra i vari gruppi italiani ho ascoltato i Be Forest, ma non li conosco bene. Sono sicura che esistono tantissimi gruppi italiani molto validi ma che non hanno quell' hype che funziona in Italia.

Ritornando sul viaggio, in ogni vostra recensione e intervista c'è un riferimento al viaggio. Voi venite da Torino (siete conterranei dei Marlene Kuntz !), avete vissuto a San Franciso e poi a Parigi. Dove vivete oggi ? C'è un posto in cui vi sentite davvero a casa ?

Demian Endian : Nel 2015 abbiamo suonato all'Alimentation General a Parigi, e un mese dopo, nello stesso posto hanno suonato i Marlene Kuntz. A New York abbiamo suonato allo Zebulon e qualche tempo dopo sempre lì ha suonato Jovanotti. Diciamo che per noi è stato un po come aprire questi gruppi (ride).

Jolanda Moletta : La città che abbiamo nel cuore è San Francisco. E' lì che ci sentiamo davvero a casa. La Germania è un bel posto in cui vivere ma non ci abbiamo ancora vissuto abbastanza a lungo per dirti se effettivamente ci sentiamo a casa o no.

Riguardo l'Italia devo confessare che siamo un po scappati dal nostro paese. L'anno scorso su cinquanta date abbiamo suonato solo tre volte in Italia: Livorno, Firenze e Bologna. La sola capitale europea in cui non abbiamo mai suonato è Roma. Diciamo questo per spiegare che suonare in Italia è davvero difficile, ed era un'evidenza già dieci anni fa quando suonavamo con molta più facilità all'estero.

Demian Endian : L'Italia per noi è stata un po come una mamma gatto che lascia subito i suoi cuccioli... (ridono)

E cosa pensate, invece, della scena francese ?

Demian Endian : Abbiamo pareri di amici francesi riguardo il fatto che spesso in Francia nascono molti progetti a cui prendono parte musicisti che poi cercano un riconoscimento individuale e a causa di questo atteggiamento non c'è una vera unione. Poi pare che ultimamente il cantato francese funzioni abbastanza bene...

Jolanda Moletta : Pensa che il nostro gruppo francese preferito è...un un gruppo australiano (ridono) ! Sono gli Heligoland, sono prodotti da Robin Guthrie dei Cocteau Twins. Ci piace molto anche il progetto di Dalva, un musicista che è sulla stessa nostra etichetta francese. Va detto che non abbiamo mai davvero esplorato la scena francese...forse perché quando sei musicista non hai abbastanza soldi per andare ai concerti degli altri (ridono).

E a questo proposito sono curiosa di sapere se voi vivete solo di musica o fate anche altro...

Jolanda Moletta : In Germania riusciamo a vivere solo di musica, a Parigi era davvero insostenibile visto i costi della vita ed è anche per questo che siamo andati via da lì.

Demian Endian : Guarda se domani dovessi fare il pizzaiolo lo farei (ride) ! Ma bisogna ammettere che tutta questa decadenza dell'ex Germania Est aiuta molto l'ispirazione. Hai presente tutte queste sale prove polverose, senza pavimento... tutto molto... Einstürzende Neubauten !

Per concludere consigliateci tre gruppi o tre album da ascolare assolutamente !

Demian Endian : L'album che tutti dovrebbero ascoltare, a mio avviso, è "Mind Bomb" dei The The. Se provi a googlarlo non lo troverai ecco perché sono poco conosciuti. Hanno perso molto a causa del nome (ride).

Jolanda Moletta : Io dico... qualsiasi cosa di Nina Simone, My Brightest Diamonds, Heligoland.

Demian Endian : Bat For Lashes, Jeff Buckley.

Jolanda Moletta : Ah si... "Grace" è l'album da portare su un isola deserta.

Demian Endian : Vi consiglio anche Gus Ring, uno svedese di cui un anno fa é uscito l'album "Hypnosis". Siamo amici e il suo album l'anno scorso è stata la nostra colonna sonora...

Merci beaucoup per la vostra disponibilità e a presto !

She Owl : Grazie mille !

Retrouvez She Owl
en Froggy's Session
pour 3 titres en cliquant ici !

 

A lire aussi sur Froggy's Delight :

La chronique de l'album Animal Eye de She Owl
La chronique de l'album Drifters EP de She Owl
L'interview de She Owl (vendredi 10 avril 2015)
L'interview de She Owl (jeudi 25 janvier 2018)

En savoir plus :
Le site officiel de She Owl
Le Bandcamp de She Owl
Le Soundcloud de She Owl
Le Facebook de She Owl

Crédits photos : Thomy Keat (retrouvez toute la série sur Taste Of Indie)


Paola Simeone         
deco
Nouveau Actualités Voir aussi Contact
deco
decodeco
• A lire aussi sur Froggy's Delight :

• A écouter aussi sur Froggy's Delight :

She Owl (25 janvier 2018)
She Owl (10 avril 2015)


# 15 avril 2018 : En avril, pour la culture, suis notre fil

C'est reparti pour une semaine culturel. Suivez notre fil d'actualité culturel, ici, sur Facebook, Twitter, Youtube. Vous y trouverez de quoi réjouir ce qu'il se trouve entre votre 2 oreilles ! c'est parti pour le sommaire :

Du côté de la musique :

"27 passports" de The EX
"Simple appareil" de Lofofora
"Haydn : 3 sonatas" de Arthur Ancelle
Interview de Da Silva
"Room 102" de Hotel
"Deux ans pour résoudre un puzzle 2 pièces" de Lucarne
"Where the weather went" de Newton Colours
"Absence" de Niki Niki
"Born to try" de Part-Time Friends
"Plaisir moderne" de Scratchophone Orchestra
"Your queen is a reptile" de Sons of Kemet
"Memory Sketches" de Tim Linghaus
et toujours :
"No Mercy in this land" de Ben Harper & Charlie Musselwhite
"After the fall" de Keith Jarrett, Gary Peacock et Jack DeJohnette
"This is not hollywood" de Greg Kozo
"Quatre vingt huit" de Guillaume Poncelet
"One EP" de Hey Sarah
"Ventriloquism" de Meshell Ndegeocello
Mezzanine et Undervoid dans une sélection de singles et EP
"Années 1970-1985" de Pierre Bartholomée
"Shake, burn and love" de Red Money
"Dollhouse" de The Pack A.D.
"The skull defekts" de The Skull Defekts
"Rêves américains, tome 1, la ruée vers l'or" de Thomas Hellman
Interview de I Am Stramgram autour de son album "Tentacles", retrouvez également I Am Stramgram en session live pour 3 titres

Au théâtre :

les nouveautés de la semaine :
"La Conférence des Oiseaux" au Théâtre Athénée-Louis Jouvet
"Racine²" au Théâtre de l'Epée de Bois
"Still life" au Théâtre Les Déchargeurs
"Hugo au bistrot" à la Scène Thélème
"MAMMA" à La Loge
"Le Monte-plats" au Théâtre Le Lucernaire
"Mort, je serai devenu nécessaire" à la Manufacture des Abbesses
"Gilles Ramade - Piano Furioso" au Grand Point Virgule
"Qui suis-je ?" au Théâtre de l'Etincelle à Rouen
des reprises à ne pas rater :
"Tertullien" au Théâtre de Poche-Montparnasse
"Meilleurs Alliés" au Théâtre du Petit Montparnasse
"Fin de partie" au Théâtre Essaion
et les chroniques des autres spectacles d'avril

Expositions avec :

"Gustav Klimt" à l'Atelier des Lumières
"Artistes & Robots" au Grand Palais

Cinéma avec :

les films de la semaine :
"Katy says goodbye" de Wayne Roberts
"Jersey Affair" de Michael Pearce
les chroniques des sorties de mars
et les chroniques des autres sorties d'avril

Lecture avec :

"Ghetto brother, Une légende du bronx" de Julian Voloj & Claudia Ahlering
"Histoire de la France" de Jean Christian Petitfils
"J'apprends le français" de Marie France Etchegoin
"La fabrique des corps, des premières prothèses à l'humain augmenté" de Héloise Chochois
"La saison des feux" de Celeste NG
"Les enfants du fleuve" de Lisa Wingate

et toujours :
"Alain Bashung, Fantaisie militaire" de Pierre Lemarchand
"La mise à nu" de Jean Philippe Blondel
"La symphonie du hasard, livre 2" de Douglas Kennedy
"La vie secrète d'Elena Faber" de Jillian Cantor
"Le dossier M, livre 2" de Grégoire Bouillier

Bonne lecture, bonne culture, et à la semaine prochaine.

           
www.myspace.com/froggydelight | www.tasteofindie.com   bleu rouge vert métal
 
© froggy's delight 2008
Recherche Avancée Fermer la fenêtre
Rechercher
par mots clés :
Titres  Chroniques
  0 résultat(s) trouvé(s)

Album=Concert=Interview=Oldies but Goodies= Livre=Dossier=Spectacle=Film=